©Simona Fossi

Su Jerga – Sonorizzazione Live elettronic – Nicolas Baggi – Raices Comunes

in Raices Comunes di

Nell’ambito della Rassegna Raices Comunes – Visioni da Cuba ad inaugurare il ciclo di eventi troviamo, Su Jerga, Sonorizzazione Live Elettronics a cura di Nicolas Baggi. Venerdi 31 Marzo, ore 19:30, presso il Cenacolo degli Agostiniani, in Via Dei Neri 15 – Empoli.

La Sonorizzazione proposta da Nicolas Baggi, è il risultato delle registrazioni ambientali (Field Recording) che sono state realizzate durante il viaggio, cercando di utilizzare i vari materiali registrati come i colori per la realizzazione di una tela. Considerando che l’attuale etnia Cubana è una combinazione della cultura spagnola e africana, è stato interessante studiare e vedere quanto il misticismo, e sicuramente la musica afro, abbiano un ruolo fondamentale nella personalità di questo paese e della sua gente, ponendo gli elementi naturali e le loro divinità al centro del processo di composizione. Nella comprensione di una terra così lontana, le percussioni risultano uno strumento istintivo, basso e antico, a tal punto dà concedere una interessante chiave di lettura dal quale partire per analizzare tutto.

A partire da questo concetto, il Live Electronics proposto, è un primo studio, del progetto più ampio e in continua evoluzione che è “Su Jerga”.
Per questo progetto vengono predisposti Due interventi sonori distinti, risultato di una ricerca estetica che l’autore porta avanti da anni, unito all’interesse verso la musica elettroacustica, le sonorità della musica acusmatica e il processo delle riprese d’ambiente.

Due i capitoli proposti per questo primo live. Primo capitolo: La Traduzione. La differenza linguistica mette in luce la relazione che sta tra il significato letterale e il successivo valore sociale attribuito ad un concetto, creando particolari relazioni, nell’utilizzo del linguaggio. In questo primo capitolo vengono inseriti elementi utilizzati come chiavi di lettura per la comprensione dell’anima di questa terra e di questo popolo. Il secondo capitolo, è dedicato agli spazi e alle dinamiche di velocità di lettura del viaggiatore. La sedimentazione del vissuto, a partire dall’identità di una terra al suo confronto con il resto, con l’esterno. Cosa spinge un uomo a spostarsi?

 

Ultimi da

Go to Top